20 settembre: il "DEVOTO CAMMINO" a IMMAGIMONDO

Date evento: 
Domenica, Settembre 20, 2020 - 11:00
Luogo: 
Civate (LC) Villa Canali

frma registro santuarioSacro Monte dii Ossuccio (Tremezzina-CO)

Nelle foto: arrivo al Santuario della B.V. del Soccorso, Sacro Monte di Ossuccio (Tremezzina - CO)  (foto archivio Iubilantes e archivio Grosso) 

 

Domenica 20 settembre ore 11:00, a Civate (LC), Villa Canali,  nell'ambito del Festival IMMAGIMONDO, sezione  I VIAGGI DELL'ANIMA, presentazione della guida "Il Devoto Cammino dei Sacri monti (Libreria Geografica)

La presentazione si inserisce  nel quadro degli eventi della Settimana Europea della Mobilità (sostenibile, ovviamente!!!!)

eu mobility week

 

Ambra Garancini, Presidente della associazione Iubilantes  e della Associazione RETE DEI CAMMINI, dialoga con Franco Grosso, curatore della nuova guida insieme a Renata Lodari, esperta di Sacri Monti e già referente dell'Ente Sacri Monti Piemontesi.

Questo nuovo percorso, lungo oltre 700 chilometri percorribili in 30 tappe, si candida ad essere uno dei più interessanti d’Italia, una sorta di “Santiago nostrano” per la bellezza del paesaggio e per il valore culturale e spirituale dei siti che si incontrano. L’area coinvolta dal Devoto Cammino comprende la Regione Piemonte, la Regione Lombardia (province di Varese e Como) e il Canton Ticino (CH). Le città principali – capoluoghi di Regione e di Provincia – toccate dal percorso sono: Torino, Vercelli, Novara, Verbania, Varese e Como.

L'ultima tappa del Devoto Cammino è il tratto dal Sacro Monte di Varese al Sacro Monte  di Ossuccio (Tremezzina).

Il tratto da Varese a Como è  sul tracciato della ex ferrovia Malnate / Grandate  (alias Varese - Como) , sul cui recupero come greenway Iubilantes è da anni impegnata.  Invece il tratto da Como a Ossuccio di Tremezzina è sui Cammini della Regina / via Francigena Renana.  Il caso ha voluto che il primo pellegrino che  ha compiuto tutto il cammino, arrivando al Santuario del Soccorso, sia stato un francese, con 900 chilometri  "nei piedi" ( veniva a piedi dalla Francia!!!). Questo arrivo ha di fatto confermato la via Regina /via Francigena renana  come itinerario davvero francigeno e davvero europeo.

timbro credenziale